Tempo di lettura: 2 minuti

Durante una delle mie svariate visite al QTH del buon Ciro IW8EZU, carissimo amico, Maestro di lunga data e di preziosi insegnamenti tecnici, egli mi ha mostrato il progetto ex novo per una vecchia stazione saldante non più riparabile a causa della presenza di un circuito Ibrido anonimo. Quest’ultimo, visto che risultava di particolare complessità dovuta all’utilizzo della tecnologia SMD con scarsa dissipazione del calore, e inoltre la documentazione tecnica risultava irreperibile in rete, è stato sostituito da una nuova scheda che va ad utilizzare un nuovo circuito a componenti tradizionali e comunemente reperibili sul mercato. Si tratta, più precisamente, di un comunissimo TRIAC BT138 e di un circuito integrato operazionale LM358 (che è una soluzione anche per eventuali riparazioni future); inoltre mi ha fornito lo schema elettrico, il PCB ed un vecchio case particolarmente comodo e anche favorevolmente in metallo rispetto a tanti prodotti cinesi in commercio, con all’interno il trasformatore toroidale originale.

Il tutto si presenta un ottima soluzione su una scrivania di piccole dimensioni o da trasporto. Dopo pochi giorni il nuovo dispositivo Homemade si è aggiunto nel mio laboratorio.

La stazione saldante è stata cablata con componentistica di recupero e facilitata anche dalla presenza di serigrafia sul nuovo circuito stampato: il lavoro è risultato poco difficoltoso, alla portata di chi ha anche solo un minimo di dimestichezza con il saldatore.

Per la protezione ESD ho aggiunto anche un morsetto presa/serrafilo giallo da 4 mm. a banana, molto più funzionale di quello esistente e poco reperibile sul mercato. Per la connessione allo stilo saldante ho utilizzato un connettore a 5 poli con ghiera filettata, nettamente superiore qualitativamente al mini DIN originale in plastica, che diventava origine di contatti incerti e di guasti.

A chi necessitano i files del progetto in formato EAGLE, può chiederli a Ciro IW8EZU.

Questa mia esperienza è un invito a recuperare e riutilizzare vecchie apparecchiature, anche se apparentemente destinate al macero, in modo da dotare il proprio laboratorio di ottimi strumenti a bassissimo costo e divertirsi.

Cordiali 73’s

IZ8XJJ Giovanni

Please follow and like us: