Tempo di lettura: 6 minuti

Google sta implementando il sistema in piccole fasi. Innanzitutto, Google collabora con lo United States Geological Survey e l’Ufficio dei servizi di emergenza della California per inviare gli avvisi di terremoto delle agenzie agli utenti Android in quello stato. Questi avvisi sono generati dal sistema ShakeAlert già esistente, che utilizza i dati generati dai sismometri tradizionali.

Google sta creando un sistema di allarme contro i terremoti alimentato da telefoni Android in tutto il mondo. La prima parte di quel sistema è in fase di lancio oggi. Se accetti, l’accelerometro nel tuo telefono Android diventerà un punto dati per un algoritmo progettato per rilevare i terremoti. Alla fine, quel sistema invierà automaticamente avvisi alle persone che potrebbero essere interessate.

È una funzionalità resa possibile dai punti di forza di Google: il numero sbalorditivo di telefoni Android in tutto il mondo e un uso intelligente degli algoritmi sui big data. Come con la sua collaborazione con Apple sul tracciamento dell’esposizione e altre funzionalità Android come il rilevamento di incidenti automobilistici e i servizi di localizzazione di emergenza, mostra che ci sono modi non sfruttati in cui gli smartphone potrebbero essere utilizzati per qualcosa di più importante del doomscrolling.

Infine, una volta che avrà più fiducia nella precisione del sistema, Google inizierà a inviare attivamente avvisi di terremoto a persone che vivono in aree in cui non sono presenti sistemi di allarme basati su sismometri.

Stogaitis afferma che le informazioni raccolte come parte di questo programma vengono “de-identificate” dagli utenti e che Google necessita solo di informazioni sulla posizione “grossolane” per funzionare. Anche gli avvisi di terremoto e il sistema di rilevamento sono attivi. “Ciò di cui abbiamo veramente bisogno per questo sono solo questi piccoli mini sismometri che sono là fuori”, dice Stogaitis. “Non abbiamo bisogno di sapere nulla della persona stessa che lo invia perché non importa.”

Un telefono Android può diventare un “mini sismometro” perché ha un accelerometro, l’elemento che rileva se l’hai ruotato o meno. Il sistema Android utilizza i dati di quel sensore per vedere se il telefono trema. È acceso solo quando un telefono Android è collegato e non in uso, per preservare la durata della batteria.

“Abbiamo capito [i telefoni Android sono] abbastanza sensibili da rilevare le onde del terremoto. Quando un’onda di terremoto attraversa, sono in grado di rilevarli e di solito vedono entrambi i tipi chiave di onde, l’onda P e l’onda S “, dice Stogaitis. “Ogni telefono è in grado di rilevare che qualcosa come un terremoto sta accadendo, ma poi hai bisogno di un insieme di telefoni per sapere con certezza che si tratta di un terremoto.”

L’onda P (onda primaria) è la prima e più veloce onda emessa dall’epicentro di un terremoto. L’onda S (onda secondaria) è più lenta ma può essere molto più grande. Il sistema di Google è in grado di rilevare entrambi. “Spesso le persone non sentono nemmeno l’onda P perché è solo più piccola, mentre l’onda S tende a causare molti più danni”, dice Stogaitis. “L’onda P può essere qualcosa che ti dice di prepararti per l’onda S.”

Questi dati vengono elaborati nel classico stile di Google: utilizzando algoritmi sui dati aggregati di migliaia di telefoni per determinare se si sta verificando un terremoto. Dove i sismometri tradizionali sono costosi e precisi, i telefoni Android sono economici e numerosi. Google può utilizzare filtri bayesiani e altri algoritmi per trasformare questi numeri in dati sui terremoti sufficientemente accurati da inviare avvisi di avviso.

Google afferma che il suo sistema è in grado di localizzare l’epicentro e determinare la forza di un terremoto. Anche così, la fisica di base di quelle onde significa che ci sono limiti a ciò che è possibile, spiega:

La cosa più importante è che i telefoni più vicini al terremoto possono aiutare gli utenti lontani dal terremoto a conoscerlo. Uno dei limiti del sistema è che non possiamo avvisare tutti gli utenti prima che un terremoto li raggiunga. È improbabile che gli utenti più vicini all’epicentro del terremoto ricevano un avviso in tempo perché non prevediamo i terremoti in anticipo

Questa velocità significa anche che il sistema di avviso basato su Android di Google non avrà un essere umano nel circuito, poiché questi avvisi andranno da “un paio di secondi” vicino all’epicentro a 30 o 45 secondi all’esterno.

“Abbiamo molti sismologi all’interno del team che sono letteralmente integrati con noi”, dice Stogaitis. Ciò include Richard Allen, “che ha trascorso la maggior parte della sua carriera in sistemi di allarme preventivo per i terremoti e che ha progettato molto del sistema ShakeAlert, e che in passato ha anche costruito un sistema di rilevamento dei terremoti basato sul telefono. ”

L’app MyShake di Allen è un precedente esempio di un sistema come questo, ma la differenza ora è che Google può creare tale rilevamento direttamente in Android e lo può fare su scala di Google. (A differenza del sistema di Google, MyShake funziona su iPhone.)

L’intenzione di Google è di avere diversi livelli di allerta per i diversi terremoti. Si è consultato con i sismologi non solo sulla progettazione del sistema centrale ma anche su come dovrebbero apparire gli allarmi. L’obiettivo è “trasmettere le informazioni il più rapidamente possibile in un breve lasso di tempo, in modo che gli utenti possano capire che devono reagire molto rapidamente a un terremoto senza leggere un enorme muro di testo”, afferma Stogaitis.

L’app MyShake di Allen è un precedente esempio di un sistema come questo, ma la differenza ora è che Google può creare tale rilevamento direttamente in Android e lo può fare su scala di Google. (A differenza del sistema di Google, MyShake funziona su iPhone.)

L’intenzione di Google è di avere diversi livelli di allerta per i diversi terremoti. Si è consultato con i sismologi non solo sulla progettazione del sistema centrale ma anche su come dovrebbero apparire gli allarmi. L’obiettivo è “trasmettere le informazioni il più rapidamente possibile in un breve lasso di tempo, in modo che gli utenti possano capire che devono reagire molto rapidamente a un terremoto senza leggere un enorme muro di testo”, afferma Stogaitis.

A lungo termine, Google spera di creare un’API basata sul suo sistema di rilevamento dei terremoti. Non prevede di utilizzare questo sistema su iPhone, ma se l’API dovesse uscire, Apple sarebbe libera di usarlo. Più interessante, tuttavia, è quali altri sistemi trarrebbero vantaggio da un’API di rilevamento dei terremoti.

Ad esempio, qualcuno potrebbe costruire qualcosa che arresti automaticamente un ascensore al piano successivo e apra la porta in modo che le persone possano uscire prima che arrivi l’onda. E puoi chiudere automaticamente le valvole del gas, puoi avere qualcosa che interrompe le procedure mediche o aprire la porta alle stazioni dei vigili del fuoco in anticipo. Questo è un problema comune nei terremoti in cui gli incendi sono un grosso problema e i vigili del fuoco spesso non riescono a uscirne. Quindi, puoi costruire qualcosa che lo faccia. Gli aeroplani possono smettere di atterrare mentre lo fanno, interrompere il loro atterraggio. I treni possono essere rallentati. Esiste un intero ecosistema che potrebbe essere abilitato utilizzando questo rilevamento basato su Android e facendolo pubblicare solo lato server in modo che altri possano collegarsi ad esso.

La posta in gioco per un tale sistema sarebbe incredibilmente alta e la responsabilità per il mantenimento di quel sistema sarebbe altrettanto alta. Quindi quell’API è molto lontana. Il piano di Google è ridurre al minimo i falsi positivi e mettere a punto il sistema subito. Google ha inoltre dovuto impegnarsi a fondo per garantire che le sue notifiche non sovraccaricassero le reti cellulari. L’invio di un ping a tutti i telefoni Android tutto in una volta ha il potenziale per intasare quelle onde radio.

Google implementerà questo sistema tramite Google Mobile Services, quindi non richiederà un aggiornamento completo del sistema operativo. Ciò significa che sia il sistema di rilevamento che gli avvisi dovrebbero funzionare sulla stragrande maggioranza dei telefoni Android in uso oggi. (Significa anche che questi servizi non arriveranno presto in Cina, poiché i telefoni Android in quel paese non utilizzano i servizi di Google).

Google sta iniziando a fornire immediatamente avvisi sui terremoti in California, utilizzando la rete sismometrica esistente. Presto anche i dati sui terremoti verranno visualizzati nelle ricerche su Google. Per quanto riguarda gli avvisi e gli avvisi basati sui dati aggregati dai telefoni Android, ciò richiederà un po ‘più di tempo. Google afferma che se una regione dispone di un sistema di rilevamento e allarme terremoto esistente, la sua preferenza è di utilizzare quello piuttosto che il sistema basato sul telefono.

“Fondamentalmente, ci sono centinaia di milioni di persone in tutto il mondo che vivono vicino alle zone di faglia del terremoto”, dice Stogaitis, “e questo è qualcosa con cui pensiamo di poter aiutare”.

Quindi la seconda e la terza fase del piano di Google saranno alimentate invece dai telefoni Android. Tuttavia, la società sta procedendo in modo abbastanza cauto. Nella seconda fase, Google mostrerà risultati localizzati nelle ricerche Google relative ai terremoti in base ai dati che sta rilevando dai telefoni Android. L’idea è che quando senti un terremoto, andrai su Google per vedere se è quello che hai sentito o meno.

“Sarebbe fantastico se ovunque ci fossero solo sistemi basati su sismometri in grado di rilevare i terremoti”, afferma Marc Stogaitis, il principale ingegnere del software Android di Google. Ma, continua, “non è davvero pratico ed è improbabile che abbia una copertura globale perché i sismometri sono estremamente costosi. Devono essere costantemente mantenuti, sono necessari molti di loro in un’area per avere davvero un buon sistema di allarme preventivo per i terremoti “.

Please follow and like us: